AUSL.RE.IT

Accertamento medico legale collegiale per handicap (L. 104/92)

  • stampa

Tu sei qui

Descrizione

Visita medica collegiale presso specifica Commissione dell’AUSL finalizzata ad ottenere eventuali benefici di legge, quali:

  • permessi lavorativi retribuiti
  • detrazioni fiscali
  • esenzioni dal pagamento del bollo auto
  • concessione di ausili (PC, videocitofoni, ecc.)
  • contributi per l'abolizione delle barriere architettoniche e per l'adattamento dei veicoli, ecc.

Per maggiori informazioni, consultare il sito www.handylex.org oppure il sito www.inps.it

Consultare anche la guida alle agevolazioni fiscali per i disabili, riportata nella sezione Documenti.

Informazioni utili

É possibile richiedere che la visita sia eseguita presso il domicilio del disabile (visita domiciliare) segnalando tale necessità al medico curante al momento della compilazione del certificato necessario per la presentazione della domanda, ovvero successivamente presentando, presso la segreteria invalidi civili del distretto di appartenenza, un certificato del medico curante che attesti l'intrasportabilità dell'invalido (persone allettate o in condizioni di salute precarie tali per cui eventuali spostamenti sono di pregiudizio per la loro salute);

contemporaneamente alla visita medica, può essere rilasciato su richiesta ed in caso di sussistenza dei requisiti previsti dalla normativa vigente (capacità di deambulazione sensibilmente ridotta) il certificato medico necessario per il rilascio del contrassegno per l'accesso nelle zone a traffico limitato; vedi anche http://www.handylex.org/schede/contrassegno.shtml;

avverso la decisione notificata dall'INPS, è possibile presentare domanda di riesame (utilizzando l'apposito modulo riportato nella sezione 'Documenti') all'AUSL competente entro 60 giorni dalla notifica del verbale (ai sensi della L.R. n. 4 del 19/02/08 e relativo regolamento), ovvero ricorso innanzi all'Autorità giudiziaria ordinaria entro il termine di 180 giorni (6 mesi) dalla notifica del verbale.

Che cosa serve

- fotocopia di documento di identità

- fotocopia della documentazione sanitaria relativa ai problemi di salute (lettere di dimissione, referti di visite specialistiche, esami strumentali, ecc).

Chi può richiedere la prestazione

tutti i cittadini italiani o stranieri (purchè in possesso di regolare permesso di soggiorno) di qualsiasi età, residenti a Reggio Emilia o provincia, affetti da patologie invalidanti

Modalità di accesso

Le domande devono essere inoltrate all'INPS, esclusivamente in via telematica. L'interessato o il legale rappresentante (genitore, tutore o curatore) può presentare domanda all'INPS:

- direttamente (dopo richiesta e ottenimento del PIN)

- tramite i soggetti abilitati (Enti di Patronato, Associazioni di categoria, Associazioni invalidi).

Per la presentazione della domanda è necessario che il medico curante abbia già inoltrato all'INPS in via telematica il certificato medico previsto.

Per maggiori informazioni, consultare il sito www.inps.it

Modalità di erogazione

L'interessato è convocato tramite lettera ed è sottoposto ad accertamento collegiale.

L'accertamento è affidato a Commissioni operanti presso ciascun Distretto dell'AUSL.

Documenti rilasciati

Verbale ai sensi della L. 104, inviato dall'INPS dopo la validazione.

L'INPS ha, inoltre, facoltà di disporre un'ulteriore verifica, mediante riesame degli atti o con eventuale convocazione a nuova visita.

Aspetti economici
Gratuito
Dove andare
Normativa di riferimento
L. 104/92
Documenti