AUSL.RE.IT

Certificati per la scuola

  • stampa

Tu sei qui

Per i bambini ed i ragazzi in età scolare, l'Azienda Usl rilascia certificati per: il ritorno a scuola dopo assenze prolungate, le vaccinazioni necessarie per i viaggi all'estero, attestare un'invalidità momentanea o permanente, il bisogno di una dieta speciale e l'esonero dall'educazione fisica.

Certificato di riammissione scolastica

Il minore che è stato assente da scuola per sei o più giorni, o che ha contratto particolari malattie infettive, prima di riprendere la frequenza scolastica deve presentare un certificato di riammissione scolastica che attesti la guarigione e l’assenza di rischio di contagio per la comunità.

Il certificato è rilasciato dal pediatra di libera scelta o dal medico di medicina generale (ex medico di base o di famiglia) del ragazzo. 
Solo in casi di patologie di particolare rilevanza (ad esempio meningite, Tbc) è rilasciato dalla Pediatria di comunità dell’Azienda Usl.

Certificato di vaccinazione per minori

In caso di soggiorno all’estero, viaggio internazionale, soggiorno vacanza al di fuori del territorio regionale o in occasione di attività sportive può essere necessario presentare il certificato di vaccinazioni per bambini da 0 a 12 anni, rilasciato dalla Pediatria di comunità.

Per iscrizioni scolastiche o soggiorni vacanze di minori all’interno del territorio regionale, il certificato delle vaccinazioni eseguite è stato sostituito dall’autocertificazione del genitore.

Certificazione scolastica per alunni con handicap

Il minore con disabilità psico-fisica ha diritto ad usufruire di un progetto individuale per l’inserimento scolastico, che può prevedere il supporto di ulteriore personale di sostegno (scolastico, educativo, socio-sanitario). Per avere questo sostegno è necessaria una certificazione rilasciata dal Centro di neuropsichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza territoriale: certificazione scolastica per alunni con handicap.

Con questa certificazione viene formulata la specifica “diagnosi funzionale” relativa all’handicap del minore, vengono definiti gli aspetti critici ed i possibili interventi riabilitativi ed abilitativi. Il certificato, che viene trasmesso alla scuola da parte della famiglia, deve essere nuovamente rilasciato in caso di nuova diagnosi e va aggiornato periodicamente, secondo le modalità stabilite da accordi di programma provinciali.

Per ogni nuovo alunno e per il passaggio di grado scolastico (es. dalle scuole materne alla elementari, dalle scuole elementari alle scuole medie) deve essere inviato alla scuola entro il 31 gennaio di ogni anno, al fine di programmare il sostegno nell’anno scolastico successivo.

Dieta speciale a scuola per minori

Nel caso che un minore usufruisca della mensa scolastica ed abbia bisogno di seguire un particolare regime dietetico/alimentare perché affetto da una malattia cronica (diabete, celiachia, allergie e intolleranze alimentari ecc) occorre presentare alla Pediatria di comunità un certificato, rilasciato dal pediatra di fiducia o dal medico di famiglia del ragazzo, che motivi la necessità di seguire tale regime dietetico specifico (dieta speciale a scuola per minori).

La Pediatria di comunità dell’Azienda Usl valuta la situazione, autorizza la dieta speciale e provvede alla sua applicazione, in collaborazione con dietisti ed insegnanti della scuola. Se la necessità di seguire un regime dietetico speciale è transitoria (es. dieta in bianco per pochi giorni), è sufficiente che la famiglia presenti direttamente alla scuola il certificato rilasciato dal pediatra di fiducia o dal medico di famiglia del ragazzo.

Un’eventuale richiesta di dieta speciale per motivi non sanitari, ma religiosi, ideologici, culturali (ad es. per bambini di cultura musulmana, con regime vegetariano) va presentata direttamente alla scuola da parte dei genitori, senza ricorrere né al pediatra/medico di famiglia né alla Pediatria di comunità.

Esonero dall’educazione fisica a scuola

Nel caso che un minore non possa praticare l’educazione fisica a scuola, per un periodo limitato o per sempre, occorre presentare alla scuola uno specifico certificato, rilasciato dal pediatra di libera scelta o dal medico di medicina generale (ex medico di base o di famiglia) del ragazzo.