AUSL.RE.IT

Al Santa Maria Nuova prelievi di organi in contemporanea su due pazienti

  • stampa

Tu sei qui

Impegno straordinario al Santa Maria Nuova per le équipe di prelievo organi a seguito della quasi contemporanea morte cerebrale, avvenuta il 4 ottobre scorso, di due pazienti ricoverati. La Rianimazione e l'Ospedale tutto si sono preparati ad affrontare una situazione rara ed estremamente impegnativa. “A livello organizzativo la dilazione di una delle due osservazioni di morte sarebbe stata più agevole” spiega Laura Favilli, medico anestesista del Santa Maria Nuova e coordinatore locale per i prelievi e trapianti di organi “ma avrebbe comportato il rischio reale di perdere la possibilità di prelievo di organi da uno dei pazienti.”

È stato deciso, infatti, di mettere in campo uno sforzo organizzativo straordinario che ha coinvolto circa 50 professionisti ospedalieri tra rianimatori, anestesisti, cardiologi, medici di direzione sanitaria e di laboratorio, personale di sala operatoria, pneumologi, neurologi, oculisti, chirurghi vascolari, tecnici di elettrofisiologia, il centro trasfusionale, diversi infermieri e operatori sanitari.

Documenti: 
Comunicato Stampa - pdf 85.99 KB