AUSL.RE.IT

Ausl-Irccs Reggio Emilia e Servizio 118 sperimentano percorsi sanitari dedicati a pazienti fragili e con disabilità in collaborazione con la Fondazione Durante e Dopo di Noi

  • stampa

Tu sei qui

Giovedì, 05 Aprile 2018

Saranno presentati sabato 7 aprile all’auditorium Core a partire dalle 9.30 

Dalla collaborazione tra AUSL IRCCS Reggio Emilia, Centrale Operativa 118 Emilia Ovest e Fondazione Durante e Dopo di Noi di Reggio Emilia onlus, nascono nuovi percorsi sanitari agevolati per le persone fragili e con disabilità. Alla base è la volontà di unire competenze sanitarie e gestionali a servizio dei bisogni delle famiglie reggiane che hanno familiari con disabilità con l’obiettivo di diminuire i disagi per i pazienti e facilitare il lavoro degli operatori. 

Diversi i progetti in corso di sperimentazione che saranno presentati alla cittadinanza sabato 7 aprile dalle 9.30 nella sede del CORE (Ospedale Santa Maria Nuova) in un appuntamento pubblico patrocinato dal Comune e dalla Provincia di Reggio Emilia.

Il primo riguarda l’accesso al Pronto Soccorso del Santa Maria Nuova di persone identificate dai servizi sanitari come particolarmente fragili e intolleranti alle attese. L’intento è favorire, grazie a un segnale di alert, la loro immediata identificazione sin dall’arrivo al triage per offrire la garanzia di un accesso alle cure che tenga conto della specifica condizione e, in futuro, la disponibilità di uno spazio riservato. Complementare al progetto è stato un corso di formazione e sensibilizzazione degli operatori per favorire il coinvolgimento attivo dell’accompagnatore del paziente e l’utilizzo di ausili per movimentare soggetti con difficoltà posturali.

L’altro progetto è rivolto a situazioni di emergenza di pazienti portatori di gravi disabilità o di loro familiari. Nato dalla collaborazione tra la Fondazione Durante e Dopo di Noi e la Centrale Operativa del 118 Emilia Ovest di Parma, il percorso è finalizzato a consentire al personale di soccorso di accedere rapidamente a informazioni sulla patologia del paziente e sulle reti familiari e/o assistenziali da attivare.
Alla base del progetto è un archivio di dati contenente informazioni utili a gestire una procedura personalizzata d’intervento nel caso si verifichi un’emergenza. Le informazioni preventivamente fornite dalle famiglie riguardano, oltre ai dati anagrafici, i nominativi da attivare nel caso sia necessario occuparsi della persona con disabilità, le strutture e gli operatori frequentati dal disabile, una descrizione della patologia. Completano il quadro alcune note e suggerimenti per l'accoglimento e la gestione ottimale del paziente. Nel caso in cui, invece, il Servizio 118 sia allertato per soccorrere il caregiver del disabile (familiare, parente, operatore) la Centrale Operativa sarà nelle condizioni di attivare una rete parentale/amicale per la temporanea sistemazione della persona con disabilità.
Determinante il coinvolgimento dei medici di base nella definizione dei profili sanitari dei pazienti e della famiglia attraverso informazioni terapeutiche fondamentali in caso di un’emergenza che coinvolga i disabile o le persone che si occupano di lui.

Ci sono novità anche sul fronte dell’accesso alle prestazioni specialistiche. È da poco attivo, infatti, un percorso che prevede facilitazioni per il paziente con disabilità. Parte attiva è il CUP Tel che, al momento della prenotazione di visita o esame diagnostico, acquisisce le informazioni più importanti per favorire l’accesso del paziente: difficoltà principali, ausili necessari, accorgimenti utili. Registrati su apposita scheda, i dati vengono trasmessi al coordinatore infermieristico della casa della salute o poliambulatorio nel quale è previsto venga erogata la prestazione il quale avrà cura di gestire gli interventi necessari a facilitare la fruizione ottimale della prestazione.

 

FONDAZIONE DURANTE DOPO DI NOI 

La Fondazione Durante e Dopo di Noi di Reggio Emilia – Onlus è una fondazione di partecipazione costituita a Reggio Emilia il 13 Maggio 2014 da 79 persone, 6 associazioni di volontariato e due consorzi di cooperative.
Attualmente la base sociale contempla 95 persone, 7 associazioni di volontariato e i due consorzi di cooperative
Ne fanno parte cittadini che ritengono che l’attenzione al tema della disabilità sia parametro di democrazia di ogni comunità. Famiglie che collaborano con le istituzioni per favorire la qualità dei servizi e che si sono assunte l’impegno in prima persona per migliorarli, personalizzarli e ampliarli, costruendo spazi di comunità e di tutela. La Fondazione Durante e Dopo di Noi di Reggio Emilia si ispira all’articolo 26 della “Carta europea dei diritti fondamentali” che riconosce ai disabili il diritto di “beneficiare di misure tese a garantirne l’autonomia, l’inserimento sociale e professionale e la partecipazione alla vita collettiva”.