AUSL.RE.IT

Vaccinazioni, le informazioni ai genitori sugli obblighi per la scuola

  • stampa

Tu sei qui

La nuova legge sulle vaccinazioni approvata dal Parlamento (legge 119/2017) conferma e rafforza la normativa (legge regionale 19/2016) che la Regione Emilia-Romagna si era data sugli obblighi vaccinali.

La legge nazionale estende da 4 a 10 le vaccinazioni obbligatorie (scarica il calendario vaccinale 2017) previste per l'iscrizione a scuola: tali vaccinazioni riguardano i bambini/ragazzi da 0 a 16 anni.

Finora erano obbligatorie difterite, tetano, polio ed epatite B, ora si aggiungono pertosse, emofilo di tipo B, morbillo, rosolia, parotite e varicella (quest’ultima è obbligatoria solo per i nati dall’1 gennaio 2017). 
Nella conversione in legge del decreto del Governo non sono più obbligatorie meningococco B e meningococco C, che saranno ora ad offerta attiva e gratuita da parte delle Aziende Usl (significa che sono le Aziende Usl a chiamare i cittadini per fare queste specifiche vaccinazioni).

Tutte le 10 vaccinazioni ora obbligatorie sono gratuite perché già inserite nei nuovi Livelli essenziali di assistenza (LEA).

Le vaccinazioni pediatriche vengono eseguite dagli operatori sanitari degli ambulatori di Pediatria di comunità, servizio garantito in tutti i distretti sanitari dell’AUSL di Reggio Emilia svolto da pediatri, assistenti sanitari ed infermieri. Per saperne di più è possibile consultare la pagina del sito regionale dedicata alle vaccinazioni pediatriche con le domande e risposte sui nuovi obblighi.

L’Azienda Usl di Reggio Emilia, sulla base dei dati in suo possesso, sta inviando in questi giorni circa 15.000 lettere alle famiglie, le comunicazioni hanno un contenuto differente a seconda della posizione dei minori nei confronti dell’assolvimento dell’obbligo vaccinale.

I genitori dei circa 13.000  bambini che hanno completato i cicli vaccinali obbligatori previsti per l’età riceveranno una lettera, da consegnare alla scuola, quale attestazione valida per l’accesso ai servizi educativi per l’infanzia.

Ai genitori dei circa 1.000 bambini il cui stato vaccinale non è completo in relazione a quanto previsto per età, ai sensi della legge in vigore, l’Ausl comunica che l’invito programmato per la prossima vaccinazione, già spedito al loro indirizzo dal Servizio vaccinazioni pediatriche, è un requisito indispensabile per l’accesso alla scuola materna. Copia dell’invito andrà consegnata alla scuola entro il 10 settembre 2017.

Ai circa 1.000 inadempienti parziali o totali l’AUSL sta inviando un invito con data e ora in cui presentarsi per completare il calendario vaccinale.

Nel caso sussistano dubbi sulla necessità di effettuare la vaccinazione o sulla sicurezza dell’atto vaccinale, in occasione dell’appuntamento si potranno ricevere le opportune informazioni.

Le famiglie che non dovessero ricevere la comunicazione ASL, per problemi logistici o in quanto residenti in altra Regione o per qualsiasi altro motivo, potranno comunque avvalersi della possibilità di presentare l’autocertificazione, scaricabile ai siti www.ascuolavaccinati.it o http://salute.regione.emilia-romagna.it/vaccinazioni-infanzia-e-adolescenza

 

I genitori dei bambini già iscritti ai servizi educativi 0/3 anni non dovranno presentare alcuna documentazione. L’Azienda Usl infatti è già in possesso degli elenchi dei bambini iscritti e comunicherà lo stato vaccinale direttamente ai Comuni/Gestori dei servizi educativi.

Per la scuola dell’obbligo, per cui la Regione e l’Ufficio scolastico regionale per l’Emilia-Romagna si stanno impegnando a cercare ogni forma di supporto affinché i procedimenti previsti dalla norma possano esser svolti con efficienza, si rimanda a successive informazioni. La scadenza per la presentazione della documentazione per i bambini e gli adolescenti  iscritti dalla prima elementare al secondo anno delle superiori infatti è il 31 ottobre 2017.

Nel caso esista una controindicazione medica all’esecuzione dei vaccini, i genitori saranno invitati a presentare  alla Pediatria di Comunità il prima possibile un certificato del medico curante (pediatra di libera scelta o medico di medicina generale) che attesti il motivo per cui tali vaccinazioni sono controindicate e il periodo di esonero dalle stesse.

Qualora le vaccinazioni siano state effettuate in altra sede, per tutti i tipi di scuole, è necessario che i genitori presentino la documentazione relativa alle vaccinazioni effettuate all’Ambulatorio della Pediatria di Comunità del Distretto di appartenenza.

 

A chi avesse già attivato il Fascicolo Sanitario Elettronico si ricorda che a breve sarà possibile scaricare direttamente il certificato vaccinale aggiornato.