AUSL.RE.IT

Assistenza a persone con disturbi del comportamento alimentare

  • stampa

Tu sei qui

Descrizione
Le persone che soffrono di disturbi del comportamento alimentare (anoressia, bulimia, disturbo da alimentazione incontrollata e altri) possono essere assistite, per affrontare questi problemi, da diversi professionisti: psichiatra, neuropsichiatra, psicologo, medico internista, dietologo.
E’ possibile rivolgersi ad uno dei Centri per i disturbi del comportamento alimentare attivati dalle Aziende sanitarie o al Centro di salute mentale dell’Azienda Usl di residenza. Per individuare questi Centri cliccare di seguito su “Specifica l’ambito territoriale…”.
Per le persone con anoressia nervosa e bulimia le visite, gli esami e le terapie specifiche sono esenti dal pagamento del ticket.
Per saperne di più consultare il Dossier regionale sui disturbi del comportamento alimentare.
Informazioni utili
Elenco visite, esami e terapie esenti da ticket per le persone con diagnosi di “anoressia nervosa” e “bulimia nervosa”:
- ANAMNESI E VALUTAZIONE, DEFINITE BREVI Storia e valutazione abbreviata. Visita successiva alla prima. Esame psicodiagnostico.
- VISITA PSICHIATRICA DI CONTROLLO Visita neuropsichiatrica infantile di controllo.
- CLORURO(S/U/dU)
- CREATININA CLEARANCE90
- FERRO(S)
- GLUCOSIO(S/P/U/dULa)
- POTASSIO(S/U/dU(Sg)Er)
- PROTEINE(ELETTROFORESI DELLE)(S)Incluso: Dosaggio Proteine totali
- SODIO(S/U/dU(Sg)Er)
- UREA(S/P/U/dU)
- URINE ESAME CHIMICO FISICO E MICROSCOPICO
- EMOCROMO: Hb,GR,GB,HCT,PLT,IND.DERIV.,F.L.
- PRELIEVO DI SANGUE VENOSO
- PSICOTERAPIA INDIVIDUALE
- PSICOTERAPIA FAMILIARE Per seduta
- PSICOTERAPIA DI GRUPPO Per seduta E PER PARTECIPANTE
Alcuni esami, visite e psicoterapie sono esenti da ticket per le persone con diagnosi di “anoressia nervosa” e di “bulimia nervosa” (vedi informazioni utili).
Dove andare
Normativa di riferimento
- DGR n. 1016 del 31/05/2004 “Linea guida per il potenziamento dell’assistenza ai Disturbi del Comportamento Alimentare”
- Normativa nazionale sulle esenzioni per malattie croniche-invalidanti