Campagna per la vaccinazione antinfluenzale 2015: proteggi te stesso e gli altri intorno a te

Dieci giocatori della pallacanestro reggiana attorniano il patròn Stefano Landi, a braccia conserte il gruppo guarda in alto verso l’obiettivo del fotografo. 
Con questa immagine, che sarà affissa nelle strutture sanitarie territoriali, ospedaliere e in alcuni centri sportivi, la squadra di Serie A dichiara la propria adesione alla campagna stagionale per la vaccinazione antinfluenzale promossa dall’Assessorato alle Politiche per la Salute. Il messaggio “Noi ci siamo…!” rende esplicito il significato della loro presenza. 
 
La vaccinazione rappresenta una determinante misura di prevenzione delle possibili e gravi complicanze che il virus stagionale può comportare ed è raccomandata a bambini e adulti affetti da patologie croniche e ad anziani oltre i 65 anni di età. Anche gli addetti ai c.d. servizi essenziali, tra cui quelli erogati dalle strutture sanitarie, sono chiamati a vaccinarsi per assicurare la presenza al lavoro durante il picco stagionale della diffusione del virus e la protezione delle persone con le quali possono entrare in contatto. Per tutte queste categorie la vaccinazione è gratuita. 
 
“Consideriamo la vaccinazione antinfluenzale una misura importante” commenta il Dott. Vincenzo Guiducci, Responsabile dello staff medico della Pallacanestro Reggiana. “Come accade ogni anno, gran parte dei giocatori della Pallacanestro Reggiana si sottoporranno alla vaccinazione per abbassare il rischio di diffusione del virus all’interno del gruppo di lavoro. Svolgendo un’attività in ambiente chiuso e soprattutto a contatto del pubblico, numeroso sia in casa che nelle trasferte, la vaccinazione è il modo migliore per proteggere sé stessi e chi sta intorno dai rischi della contaminazione. La proposta di aderire alla campagna per la vaccinazione è stata accolta subito con entusiasmo dagli atleti e dal patron Stefano Landi che hanno sentito la responsabilità di diffondere l’informazione su un’iniziativa di grande interesse per la salute pubblica”. 
 
La Regione Emilia-Romagna ha lanciato la campagna di comunicazione venerdì 6 Novembre e le vaccinazioni sono disponibili già da questa settimana. Oltre che rivolgendosi al proprio medico di fiducia, le informazioni relative alla vaccinazione sono reperibili attraverso il numero verde regionale 800 033033 e il sito web: http://salute.regione.emilia-romagna.it
 
“Stiamo ponendo ogni sforzo nella diffusione di adeguata informazione sulla importanza della vaccinazione per i soggetti a rischio e gli operatori sanitari” spiega Antonella Messori, Direttore generale dell’Azienda Ospedaliera IRCC Santa Maria Nuova “Non possiamo trascurare il calo di adesioni registrato la scorsa stagione ed il rischio che la sottovalutazione di questa semplice misura di prevenzione può comportare. Siamo particolarmente grati alla Pallacanestro Reggiana per averci voluto affiancare, quale testimonial convinta, nell’opera importante di diffusione della consapevolezza su questi temi.” 
Fausto Nicolini, Direttore generale dell’Azienda USL commenta così l’adesione alla vaccinazione
dei giocatori della Pallacanestro Reggiana: “Ringrazio molto la Pallacanestro Reggiana per la   sensibilità e la disponibilità a testimoniare e per il senso di responsabilità dei suoi professionisti.
La scelta di vaccinarsi è un’importante forma di tutela della salute individuale e collettiva, perché proteggere se stessi vuol dire anche proteggere i soggetti maggiormente a rischio”. 
  

Informazioni e dati 

In base ai riscontri epidemiologici e in conformità con le raccomandazioni diramate dall’OMS, il vaccino antinfluenzale da utilizzare nella campagna 2015-2016 è un vaccino trivalente.
La vaccinazione si esegue in unica dose per tutte le età con esclusione dell’età infantile ed è abitualmente ben tollerata: gli effetti collaterali sono in genere modesti e si manifestano prevalentemente alla prima somministrazione.
Nella provincia di Reggio Emilia nella scorsa stagione sono state complessivamente vaccinate circa 77.985 persone con una copertura vaccinale nei soggetti ultra64enni pari al 54,9 %. I dati hanno mostrato un significativo calo rispetto all’anno precedente che aveva visto circa 85.157 adesioni per una copertura pari al il 58,9%. Il trend negativo ha ricalcato quello nazionale.
La stagione influenzale appena trascorsa si è dimostrata di particolare intensità sia per gli elevati tassi di incidenza di malattia, sia per il numero di casi gravi e di decessi.
La stima complessiva di persone nella nostra regione colpite dall’influenza durante tutta la stagione è di circa 572.000, il 13% della popolazione totale. La Regione Emilia-Romagna è stata una fra le aree maggiormente colpite dall’epidemia influenzale in Italia.
Nella nostra provincia lo scorso anno ci sono stati 11 casi gravi (con ricovero in rianimazione), ma per fortuna nessun decesso.
I medici ribadiscono l’importanza della vaccinazione antinfluenzale per le persone più esposte al rischio di gravi complicanze.
 
L’ufficio Stampa 
 
 

Locandina