AUSL.RE.IT

AUSL e COMUNE di Reggio Emilia: in merito all'articolo "Sono affetta da favismo: campo vicino, rischio la vita"

  • stampa

Tu sei qui

Mercoledì, 08 Maggio 2019

Alcuni chiarimenti in merito all’articolo pubblicato dal vostro quotidiano in data 6 maggio 2019, dal titolo “Sono affetta da favismo: campo vicino, rischio la vita”.

In merito alle problematiche sollevate dalla lettrice, si precisa che nel 2012 il Ministero della Salute, Comitato Nazionale per la Sicurezza Alimentare con il Parere n. 9, ha dichiarato come  estremamente improbabile, sulla base di documentate evidenze scientifiche, che esista una correlazione tra l'esposizione a pollini di fave e l'insorgere di crisi emolitiche acute in soggetti affetti da questa patologia.

Anche da una verifica della letteratura scientifica medica successiva al 2012, non sono emerse indicazioni difformi rispetto a quanto indicato nella nota del Ministero, come si evince ad esempio da una revisione pubblicata nel 2018 dalla rivista scientifica New England Journal of Medicine.

Lo stesso Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali, dopo aver acquisito il parere dell'Istituto Superiore della Sanità, già nel 2008 aveva emesso una nota con la quale precisava che "l'inalazione di polline nei campi di fave può provocare malessere nei soggetti affetti da favismo, ma non ci sono prove sufficienti a correlare l'inalazione del polline con lo scatenamento delle crisi emolitiche" e concludeva che “..gli elementi acquisiti relativi alla valutazione del rischio non depongono a favore di una proporzionalità  di misure volte a vietare la coltivazione di fave, piselli o fagiolini nelle vicinanze dell’ abitazione di soggetti affetti da G6PD (favismo)”.

Pur comprendendo il malessere che vive la signora in questo periodo di presenza di pollini, si ritiene non sussistono situazioni di gravità tale da giustificare la richiesta di un’ordinanza sindacale tesa a distruggere le coltivazioni.

Confermiamo la disponibilità dell’Azienda USL e del Comune di Reggio Emilia ad ulteriori incontri e approfondimenti utili a favorire il benessere della signora.

 

 

Gli Uffici Stampa di Azienda Usl-IRCCS e Comune di Reggio Emilia