AUSL.RE.IT

Bilancio positivo per il progetto Punto Ponte: 330 famiglie tenute in contatto con i familiari ricoverati per Covid durante le impegnative settimane dell’emergenza epidemica. Tanti i bisogni soddisfatti, da quelli di base a quelli informativi

  • stampa

Tu sei qui

Martedì, 30 Giugno 2020

È un bilancio positivo quello che emerge dalle 10 impegnative settimane di funzionamento di Punto Ponte, il servizio nato all’inizio dell’emergenza epidemica all’interno dell’Arcispedale Santa Maria Nuova su impulso della direzione socio-sanitaria.

Lo spirito che ha animato il progetto, come indicato dal nome, è stato quello di rappresentare un luogo virtuale di incontro/contatto tra i pazienti ricoverati per Covid e le rispettive famiglie, superando le oggettive difficoltà date dall’isolamento che il virus ha imposto.

Nel periodo che va dal 20 marzo al 31 maggio sono complessivamente 330 le famiglie che hanno usufruito del servizio grazie al quale veniva tracciata una mappa continuamente aggiornata dei ricoverati per Covid nei diversi reparti e attivato, in contemporanea, un canale di comunicazione con i familiari. Tanti i bisogni essenziali che il servizio ha permesso di soddisfare: fornire informazioni generali riguardo ai percorsi e indicazioni in merito al diverso funzionamento dei reparti, attivare il servizio di videochiamate per permettere la comunicazione/incontro con i propri cari, recapitare effetti personali oppure recuperarli, ricevere rapidamente indicazioni sui comportamenti da tenere durante l’isolamento, avere informazioni sulle dimissioni e le modalità di accoglienza a casa. A questi si è aggiunta la possibilità di beneficiare di colloqui di supporto psicologico grazie alla costante sinergia con il gruppo di professionisti che ha operato con dedizione in questa emergenza. Strategica è stata, inoltre, la collaborazione con il Servizio Sociale Ospedaliero al quale venivano segnalate le situazioni più complesse per la presa in carico.

A supportare il servizio è stata anche Dar voce indicando la disponibilità dell’Associazione Casina dei Bimbi, che già da tempo lavora in Ospedale, per la consegna e il ritiro degli effetti personali al domicilio nei casi in cui non era possibile spostarsi. 

In considerazione del deciso calo dei ricoveri per Covid, Punto Ponte ha temporaneamente sospeso l’operatività che potrebbe essere ripristinata velocemente qualora l’evoluzione della situazione dei ricoveri ospedalieri lo richiedesse. 

L’Ufficio Stampa