AUSL.RE.IT

L’Ematologia di Reggio capofila di un’importante ricerca della Fondazione Italiana Linfomi sui linfomi dell’anziano

  • stampa

Tu sei qui

Lunedì, 22 Marzo 2021

Oltre mille pazienti interessati dallo studio pubblicato sul Journal of Clinical Oncology. GRADE sponsor dello studio insieme a UniCredit

 

Francesco Merli, direttore della Struttura di Ematologia dell’Azienda USL-IRCCS di Reggio Emilia e Stefano Luminari, responsabile per la Ricerca all’interno della stessa struttura, sono i primi autori di un importante articolo pubblicato in questi giorni dal prestigioso Journal of Clinical Oncology (JCO) da parte della Fondazione Italiana Linfomi (FIL).

In 5 anni il progetto ha coinvolto 1163 pazienti di età superiore a 65 anni affetti da Linfoma diffuso a grandi cellule, curati in 36 centri onco-ematologici italiani. Lo studio è maturato all’interno della Commissione della FIL dedicata ai linfomi dell’anziano ed è stato reso possibile grazie alla sponsorizzazione di UniCredit e della onlus reggiana GRADE (Gruppo Amici dell’Ematologia).

Elderly Project (Progetto Anziani), questo il nome dello studio, dimostra l'importanza di accompagnare la diagnosi di linfoma con una valutazione di tipo geriatrico. Vengono raccolte informazioni riguardanti la compresenza di altre patologie, eventualità frequente negli over 65, e il grado di autonomia funzionale del paziente. “È il primo studio al mondo per numerosità della casistica su questo tema - spiega il dottor Merli, che della FIL è anche Presidente fino al termine del 2021 - e ci ha permesso di individuare tre gruppi di pazienti con prognosi diverse, in base al complessivo stato di salute rilevato alla diagnosi. Questo conferma come l’esito dei trattamenti sul linfoma sia collegato alle cure ma anche alle condizioni che il paziente presentava prima di ammalarsi. Con i nostri dati, inoltre, dimostriamo che uno schema di chemioterapia cosiddetto attenuato è la scelta migliore per i pazienti che, sulla base della nostra valutazione geriatrica, sono classificati come fragili”.

 

I risultati pubblicati sul Journal of Clinical Oncology

Il risultato più significativo è stata la messa a punto di un indice prognostico (Elderly Prognostic Index - EPI) che considera congiuntamente gli esiti della valutazione geriatrica e le caratteristiche cliniche del linfoma. Lo strumento è stato sviluppato dal professor Luminari e dal dottor Luigi Marcheselli, statistico della FIL. Precisa Luminari “Con l’EPI otteniamo una fotografia reale della situazione del paziente, integrando informazioni su aggressività della malattia e condizioni generali. Emerge con chiarezza un gruppo ad alto rischio, pari a un terzo  dei pazienti anziani considerati, che rappresenta la sfida più difficile per un onco-ematologo, ma siamo convinti che EPI sia un valido aiuto nella scelta della terapia. I risultati sul nostro indice prognostico, peraltro, sono stati confermati da un gruppo di controllo di 328 pazienti valutati, applicando lo stesso approccio, in Australia e in Brasile”.

L'interesse nella comunità scientifica per il primo strumento prognostico specificatamente disegnato per gli anziani con linfoma aggressivo è confermata dal fatto che il Journal of Clinical Oncology ha pubblicato un editoriale a commento dello studio della FIL dove viene annunciato che uno dei principali gruppi cooperatori onco-ematologici degli Stati Uniti, lo SWOG, sta già applicando l’EPI in modo sistematico ai propri pazienti anziani affetti da linfoma.

Merli formula un ringraziamento a chi ha finanziato lo studio ”Tengo a sottolineare l’importanza di avere, ancora una volta, GRADE a fianco dell’Ematologia e della ricerca. In questa occasione poi, il generoso contributo di UniCredit ha consentito di coprire per intero i costi del progetto. Il sostegno alla ricerca medica da parte di privati non coinvolti in interessi commerciali di settore è fondamentale perché garantisce una ricerca indipendente e consente di studiare, come in questo caso, aspetti della cura non legati alla sperimentazione farmacologica, altrettanto importanti per la salute dei pazienti”.

“Complimenti ai ricercatori – dice Massimo Costantini, Direttore Scientifico dell’Azienda USL - IRCCS di Reggio Emilia – Questo straordinario risultato mostra la crescita del nostro Istituto, che è in grado di sviluppare e portare a termine progetti di altissimo livello, capaci di indirizzare la pratica clinica in un’ottica internazionale”.

“Si è trattato di un impegno straordinario per entità di lavoro e competenza professionale richiesta, che si è aggiunto all’attività clinica ordinaria, di per sé già significativa” ha commentato il Direttore generale dell’Azienda USL - IRCCS di Reggio Emilia Cristina Marchesi “È per noi motivo di orgoglio che i nostri professionisti abbiano individuato un indirizzo di lavoro tanto significativo, dal quale anche altri centri hanno potuto e potranno trarre proficuamente spunto per un upgrade dell’attività clinica”.

“Ancora un progetto di largo respiro, che coniuga studio clinico ed intervento sul campo per il miglioramento della presa in carico dei pazienti, nel quale strutture sanitarie emiliano romagnole sono in prima fila e che viene ripreso da una prestigiosa rivista internazionale – plaude l’assessore regionale alle Politiche per la Salute Raffaele Donini – Grande soddisfazione, dunque, e complimenti ai professionisti di Reggio, Piacenza, così come degli altri centri nazionali coinvolti, per i prestigiosi riconoscimenti e, soprattutto, perché l’attivazione dell’indice prognostico è molto importante per la modulazione delle terapie sui pazienti anziani e fragili affetti da linfoma, in un’ottica di cure sempre più personalizzate e mirate. È l’obiettivo al quale il nostro sistema sanitario sta puntando sempre di più, a livello di cure ospedaliere e di medicina del territorio”.

 

La nascita del progetto

Il progetto è nato da un’intuizione di Michele Spina, direttore dell’Oncologia del CRO di Aviano. L’Ematologia di Reggio Emilia, nella persona della data manager dott.ssa Caterina Mammi, ha svolto il ruolo fondamentale di collettore e revisore dei dati dei pazienti di tutta Italia. Le dottoresse Alessandra Tucci e Annalisa Arcari facenti parte, rispettivamente, delle equipe di Ematologia degli ospedali di Brescia e Piacenza, insieme allo statistico della FIL Luigi Marcheselli, hanno completato il board. “É stato un entusiasmante lavoro di gruppo” – conferma Merli – che dimostra come i ricercatori italiani, quando fanno squadra, possano raggiungere risultati eccellenti. Al termine di numerosi confronti sui dati, il professor Luminari e io ci siamo assunti l’onere di estrapolare i risultati. Il riconoscimento al progetto conferma come la FIL rappresenti, ormai da anni, un punto di riferimento a livello internazionale nella ricerca sui linfomi dell’anziano”.