AUSL.RE.IT

Quattro barrette di cioccolato in dono a ciascuno dei 7mila dipendenti dell’Ausl di Reggio Emilia

  • stampa

Tu sei qui

Giovedì, 24 Dicembre 2020

Quattro barrette di cioccolato a testa per ogni dipendente dell’Azienda Usl IRCCS di Reggio Emilia. E’ il dolce regalo che la società reggiana Assist Group Srl ha deciso di fare come segno di riconoscimento, per l’enorme impegno profuso durante la pandemia, a tutti gli operatori e i professionisti che lavorano nella Sanità reggiana.

Nei giorni scorsi l’azienda ha inoltre pubblicato a sue spese sul Carlino Reggio e sulla Gazzetta di Reggio una pagina di ringraziamento rivolta agli operatori socio sanitari. “Voi siete lì a provare ad aggiustare la nostra vita incrinata – vi si legge -. Ad asciugare quella lacrima, a stringere quella mano che trema… A voi tutti va il nostro grazie. Una piccola coccola salutare per aiutarvi ad affrontare i pomeriggi duri e imprevedibili…”.

“Visto il periodo di emergenza che ci troviamo ad affrontare – ha scritto Gianni Prandi di Assist Group – questo è il nostro modo per ringraziarvi per quello che ogni giorno fate per noi”.

Oltre 30mila barrette, per un totale di 235 scatole e un valore di mercato per la donazione di quasi 80mila euro iva inclusa. Si tratta di snack leggeri e a basso contenuto di zucchero, gusto cappuccino o cookies, che possono essere riposti in tasca nel camice durante il turno ed essere mangiati velocemente all’occorrenza. Su ciascuna barretta spicca una semplice scritta come sintesi del messaggio che i benefattori hanno voluto indirizzare a chi si è speso in questi mesi e continua a farlo “Grazie per quello che state facendo”. In ogni snack sono indicati ovviamente gli ingredienti

“La gratitudine dimostrata da Assist Group con questo gesto simbolico ci sprona a fare sempre meglio - ha commentato il direttore generale Cristina Marchesi -. E’ un atto che dimostra una grande sensibilità quello di chi sa riconoscere il valore dei medici e degli infermieri incontrati e la dedizione e lo spirito di sacrificio dei professionisti e degli operatori tutti durante il periodo pandemico”.

 

Immagini: