AUSL.RE.IT

Vaccinazioni COVID: alcuni aggiornamenti

  • stampa

Tu sei qui

Giovedì, 18 Marzo 2021

Vaccinazioni al domicilio

L’effettuazione delle vaccinazioni al domicilio richiede molto più tempo di quella nelle sedi fisse, circa 45 minuti al domicilio, circa 4 negli ambulatori vaccinali. Questo determina che i tempi per le vaccinazioni a domicilio (ad oggi circa 6.000 prenotazioni) siano decisamente più lunghi di quelli degli ambulatori vaccinali, dove le prime disponibilità per la prima dose, a seconda dei distretti, sono già nella seconda metà-fine di aprile.

Invitiamo le famiglie che hanno chiesto la vaccinazione a domicilio a valutare l’effettiva intrasportabilità del congiunto. Nel caso in cui sia possibile accompagnare il familiare alla sede vaccinale, si può prenotare, abbreviando i tempi di attesa, chiamando il Call Center allo 0522 338799, o agli sportelli CUP, Medi-CUP, Farma-CUP.


Vaccinazione “estremamente vulnerabili”

Le persone “estremamente vulnerabili”, indipendentemente dall’età, saranno contattate direttamente dall’Azienda Usl di Reggio Emilia. 

Per queste persone, che proprio a causa dell’importanza della malattia di cui soffrono sono inserite in elenchi regionali e provinciali, è stato costruito un percorso dedicato.

L’Azienda Usl di Reggio Emilia, di concerto con la Regione, sta progressivamente mettendo in prenotazione gli appartenenti a questa categoria (circa 27.000). Queste persone riceveranno un primo sms che chiede la loro disponibilità ad essere vaccinati. Se il cittadino risponde di sì viene messo in prenotazione e riceve un secondo sms con sede, data e ora qualche giorno prima dell’appuntamento e non immediatamente dopo il primo sms. La vaccinazione di 27.000 persone richiederà diverse settimane di lavoro.

Moltissime persone stanno chiamando i medici di medicina generale e i numeri aziendali dedicati al COVID e non solo. L’Azienda USL di Reggio Emilia sta predisponendo una reportistica che consentirà ai medici di medicina generale di verificare se un assistito è compreso in questo elenco e di segnalare i nominativi dei pazienti aventi diritto ma non ricompresi nell’elenco.

Invitiamo i cittadini che desiderano verificare se rientrano in questa categoria ad aspettare prima di chiamare il proprio medico di medicina generale o altri numeri aziendali dedicati al COVID e non solo, evitando così di congestionare le linee e di consentire a chi ha realmente bisogno di mettersi in contatto con il medico o con l’Azienda di trovare la linea libera. 

Nella tabella allegata l’elenco delle malattie che rientrano nella categoria degli “estremamente vulnerabili”.

Documenti: