AUSL.RE.IT

Vaccino contro l’Herpes Zoster gratuito per i 65enni

  • stampa

Tu sei qui

Mercoledì, 26 Giugno 2019

Fuoco di Sant’Antonio - come previsto dal Piano Nazionale Prevenzione Vaccinale 2017-19 tutte le persone nate nel 1954, possono effettuare gratuitamente e senza appuntamento la vaccinazione contro l’Herpes Zoster.

É possibile recarsi dal 1 luglio al 26 ottobre 2019 tutti i venerdì dalle ore 9.00 alle ore 12.30 negli ambulatori del Servizio di Igiene e Sanità Pubblica:

  • REGGIO EMILIA - AMBULATORIO SIP - Campus S. Lazzaro, Padiglione Ziccardi Via Amendola
  • SCANDIANO - AMBULATORIO SIP - Via Martiri della Libertà 8
  • MONTECCHIO - AMBULATORIO SIP - Casa della Salute Via G. Saragat 11
  • CASTELNUOVO MONTI - AMBULATORIO SIP - Via Boschi 4
  • CORREGGIO AMBULATORIO SIP - Piazza San Rocco 4, 2°piano
  • GUASTALLA AMBULATORIO SIP - Stanza 6 Poliambulatori Ospedale Civile - Via Donatori di Sangue 1

 

In caso di impossibilità a recarsi al Servizio nelle giornate dedicate, come per tutte le altre vaccinazioni, è possibile prenotare un appuntamento presso gli sportelli CUP, i FarmaCup, i medici abilitati CUP o su CupWeb.

Ricordiamo che In Emilia Romagna la vaccinazione viene offerta gratuitamente a partire dai 65 anni. Viene inviata una lettera ai sessantacinquenni con l’invito ad eseguire la vaccinazione presso gli ambulatori del Servizio Igiene e Sanità Pubblica.
Il diritto alla gratuità viene mantenuto anche negli anni successivi a quello della chiamata attiva da parte dell’Azienda USL.

 


L’Herpes Zoster, conosciuto anche come “Fuoco di Sant’Antonio”, è una patologia frequente e debilitante, dovuta alla riattivazione del virus della varicella. Dopo la varicella, infatti il virus non viene eliminato, ma rimane presente nel sistema nervoso. L’aumentare dell’età o particolari situazioni di stress o di malattia possono causare la riattivazione del virus che si manifesta con la comparsa, in una parte localizzata del corpo, di vescicole accompagnate da dolore, bruciore, prurito. Spesso vi è anche febbre, debolezza, malessere generale e mal di testa. Dopo la fase acuta della malattia possono comparire complicanze, in alcuni casi anche gravi (ad esempio meningite, cecità); la complicanza più frequente è la nevralgia post erpetica, che comporta un dolore severo e cronico, che può durare per lungo tempo (anche anni) dopo la guarigione delle lesioni cutanee. Si tratta di un dolore invalidante che risponde poco alle terapie disponibili. Lo strumento più efficace per proteggersi dall’Herpes Zoster è la vaccinazione. Si tratta di un vaccino sicuro ed efficace, somministrato in un’unica dose nella vita con una iniezione nella parte alta del braccio. Il vaccino riduce il rischio di avere l’Herpes Zoster, ma soprattutto protegge dalla nevralgia post erpetica. Gli effetti collaterali sono rari e di breve durata, in genere si tratta di reazioni locali nel punto della iniezione.

Documenti: 
Opuscolo informativo - pdf 549.4 KB