Il punto sulla ricerca nel campo dei tumori rari ed il ricordo di una valida professionista

Reggio Emilia, 19 Gennaio 2011

Si svolgerà domani, 20 Gennaio, a Palazzo Rocca Saporiti, il Convegno dal titolo “I Tumori Rari e la Ricerca”.
L’evento è organizzato dalla struttura di Statistica, Qualità e Studi Clinici dell’Azienda Ospedaliera di Reggio Emilia, diretta dalla dottoressa Lucia Mangone, in collaborazione con il Registro Tumori dell’Azienda USL e con l’Associazione Italiana Registri Tumori, prende spunto dalla celebrazione di una ricorrenza.
Domani sarà il X° anniversario della scomparsa di Paola Marcato, giovane rilevatrice del Registro Tumori di Modena, spentasi nel 1999, pochi mesi dopo avere scoperto di essere affetta da una rara forma di tumore della trachea.
A distanza di dieci anni, fatti grandi passi avanti nella conoscenza delle patologie oncologiche, il convegno rappresenta l’occasione per fare il punto sullo stato della ricerca nell’ambito dei tumori della trachea e, più in generale, dei tumori rari.
La ricerca oncologica viene, nella maggior parte dei casi, finanziata, sviluppata, pubblicata per tumori che hanno grande “impatto” e rilevante numerosità (es. mammella, polmone) o per la presenza di screening (es. colon-retto, cervice) o perché hanno incidenza crescente (es. melanomi).
Non è facile affrontare lo studio di sedi tumorali non frequentemente coinvolte, in quanto sono più complessi la diagnosi e il trattamento e con essi la raccolta dei dati.
Il mesotelioma, tumore raro al quale verrà dedicata una relazione del convegno, costituisce una eccezione. Grande attenzione gli è stata dedicata negli ultimi anni, anche da parte degli organi di informazione. La stretta relazione dei mesoteliomi con l’esposizione all’amianto, frequentemente presente nei luoghi di lavoro e nelle abitazioni, ha intensificato la ricerca dedicata a questa patologia. Sul mesotelioma l’Azienda SMN ha avviato un approccio multidisciplinare finalizzato a tracciare un percorso diagnostico-terapeutico che coinvolga per entrambe le aziende sanitarie: l’epidemiologo, il patologo, l’oncologo, il radioterapista, il medico nucleare, il chirurgo toracico e lo pneumologo.
La scelta di dedicare una giornata di approfondimento alla definizione dell’ambito di interesse dei tumori rari ed ai problemi derivanti dalla raccolta dei dati che li riguardano, alla presenza di diversi relatori provenienti da centri regionali ed extra-regionali, ha l’obiettivo di condividere conoscenze e fare emergere nuovi elementi utili al trattamento di tali patologie oltre che di offrire opportunità di ricerca.

L’Ufficio Stampa ASMN


Allegato: programma del convegno