AUSL.RE.IT

Prodotti alimentari privi di glutine per la persona con celiachia

  • stampa

Tu sei qui

Descrizione

La persona affetta da celiachia può ricevere gratuitamente, a carico del Servizio sanitario, specifici prodotti alimentari privi di glutine, entro un tetto di spesa mensile che tiene conto del fabbisogno calorico in base all’età e al sesso.

  

Nel sito Saluter è possibile consultare l’elenco nazionale degli alimenti senza glutine.

  

Per ricevere questi alimenti occorre presentare allo sportello del proprio Distretto di residenza la specifica documentazione medica, rilasciata da un Servizio sanitario abilitato, che attesta la presenza della malattia celiaca.

Il Distretto consegna all’interessato una autorizzazione annuale e specifici buoni, da utilizzare per rifornirsi degli alimenti speciali.

Dal luglio 2008, dopo un periodo di sperimentazione, è possibile rifornirsi di prodotti senza glutine a carico del SSR anche negli esercizi commerciali che ne hanno fatto richiesta (supermercati, negozi alimentari, parafarmacie ecc.), oltre che nelle farmacie convenzionate.

  

Gli esercenti interessati alla vendita di prodotti senza glutine a carico del Servizio sanitario regionale devono contattare l’Azienda Usl del territorio di residenza, rivolgendosi ai referenti aziendali per la vendita di alimenti senza glutine .

  

La persona con celiachia riconosciuta ha diritto all’esenzione dal ticket per questa patologia.

Informazioni utili

La persona con celiachia deve preventivamente richiedere l'esenzione per la relativa patologia (rilasciata dagli sportelli SAUB dei distretti di Scandiano, Montecchio, Correggio, Castelnovo Monti, Guastalla e dall'Ufficio Informazioni di Viale Monte San Michele di Reggio Emilia).

  

Dopo aver ottenuto l'esenzione, per il ritiro dei buoni, per la prima volta, occorre rivolgersi all'Unità farmaceutica del proprio Distretto, le volte successive i buoni verrano inviati a casa.

Aspetti economici
Gratuito
Per le persone con celiachia il Decreto 4 maggio 2006 ha definito un tetto di spesa mensile a carico del SSR in base all’età e al sesso che varia da 45,00 a 140,00 euro.
Dove andare
Normativa di riferimento
Decreto 18 maggio 2001 n.279
Decreto 8 giugno 2001
Legge n.123 2005
Decreto 4 maggio 2006
Delibera Giunta regionale 439/2008
Determinazione regionale 7257 del 20 giugno 2008
Nota regionale PG/200/7211458 del 10 agosto 2007