Nomine all’Arcispedale Santa Maria Nuova. Il dottor Carlo Fusco direttore della Neuropsichiatria Infantile. La dottoressa Chiara Bassi è la nuova responsabile della Biblioteca medica interaziendale

Nelle ultime settimane due ruoli di responsabilità, uno aziendale e uno interaziendale, hanno acquisito volti e nomi nuovi. 
 
Carlo Fusco è stato nominato dal 1° Giugno direttore della Struttura Complessa di Neuropsichiatria Infantile. Laureato nel 1995 a Parma in Medicina e Chirurgia e specializzato in Neuropsichiatria Infantile nella stessa sede, con successivi approfondimenti negli ambiti della neurologia neonatale e pediatrica, opera al Santa Maria Nuova dal 2002 prima con contratto libero professionale e dal 2008 con contratto a tempo indeterminato.
Il dottor Fusco ha partecipato a numerosi eventi scientifici ed è stato coautore di varie pubblicazioni, concentrando il proprio interesse sulla epilessia neonatale, la cefalea, le malattie neuromuscolari, le naturopatie ereditarie, la neurofisiologia del sistema nervoso periferico applicata ai disturbi del movimento.
La Neuropsichiatria Infantile dell’Arcispedale Santa Maria Nuova ha in dotazione 2 posti letto di degenza ordinaria e si avvale di 1 posto letto in Pediatria per l’attività di day hospital. Nell’anno 2014 sono stati effettuati 231 ricoveri, nel 22% dei casi di pazienti provenienti da altre provincie della regione o altre regioni italiane.
Il reparto svolge anche una cospicua attività ambulatoriale, quest'ultima articolata in ambulatori specialistici generali di Neuropsichiatria Infantile e specificamente dedicati alle malattie neurometaboliche e degenerative, neuromuscolari, malformazioni del sistema neurologico, disturbi del movimento, epilessia e cefalea dell'età evolutiva.
In questi settori la struttura complessa di NPI dispone di competenze mediche e assistenziali specifiche che ne fanno un centro di riferimento di valenza regionale. Tra  gli obbiettivi del nuovo direttore vi è l’integrazione con le altre strutture del Dipartimento ostetrico ginecologico e pediatrico e la interdisciplinarietà e interprofessionalità nei percorsi di cura.
 
Dal 1° di luglio cambio anche nel ruolo di responsabilità della Biblioteca Medica Interaziendale dove la dottoressa Chiara Bassi è succeduta a Rita Iori.
Laureata in lettere classiche alla Università di Bologna, la dottoressa Bassi vanta una pluriennale esperienza di documentalista per avere operato nell’ambito di biblioteche, virtuali o tradizionali, e utenti del mondo biomedico e sanitario con la finalità di promuovere l’informazione clinica e sostenere il lavoro dei  professionisti della salute. 
 
Per circa 15 anni a partire dal 1997 la dottoressa Bassi è stata responsabile della Biblioteca Medica del Centro per la Valutazione dell’Efficacia dell’Assistenza Sanitaria (Ce.V.E.A.S.) dell’Azienda USL di Modena e, a partire dall’anno 2011, ha rivestito il ruolo di Coordinatrice delle Biblioteche biomediche della Regione Emilia Romagna in forze alla Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale. 
 
Di rilievo l’esperienza inglese, nel 2006, alla Royal Free Hospital Medical Library dello University College of London che l’ha vista nel ruolo di Information Specialist e la collaborazione con il Centre for Reviews and Dissemination della University of York.
Attualmente svolge attività di Trials Search Coordinator (principalmente per l’area neurologica) nell’ambito della Cochrane Collaboration, organizzazione no-profit internazionale che ha lo scopo di produrre e promuovere l’accesso alle revisioni sistematiche sugli effetti degli interventi sanitari. Autrice di numerose pubblicazioni (articoli e monografie) sia di carattere scientifico che di ambito documentale e biblioteconomico, offre consulenze in Italia e all’estero a supporto di gruppi di ricerca per revisioni della letteratura e linee guida e si occupa da anni di formazione per i professionisti del Servizio Sanitario Nazionale in percorsi dedicati alla documentazione, soprattutto nell’ambito della Evidence Based Medicine (medicina basata sull’ evidenza). Già docente in eventi formativi interni alle due aziende reggiane, la dr.ssa Bassi garantirà continuità e innovazione nell’offerta formativa che la Biblioteca Medica Interaziendale mette a disposizione dei professionisti del sistema sanitario locale.
Aperta anche al pubblico, con sede nel complesso di Palazzo Rocca Saporiti nell’area del Santa Maria Nuova, la BM è specializzata in biomedicina e, oltre ad offrire i servizi che caratterizzano una biblioteca ‘tradizionale’ (prestito, fornitura articoli scientifici, consultazione in sede, consulenze bibliografiche), si occupa di formazione, di ricerca e anche di supportare i pazienti attraverso un punto informativo e il progetto ‘Cure Leggère, Leggere cura’.
 
L’Ufficio Stampa 
 
Nelle foto: Carlo Fusco e Chiara Bassi