Progetto LIC DONNA: oltre le terapie oncologiche

Il bilancio del primo anno di attività con 48 incontri interdisciplinari sui temi della salute e del benessere femminile. Mercoledì 15 Aprile si farà il punto a Palazzo Rocca Saporiti

Reggio Emilia, 11 Aprile 2015

LIC Donna compie un anno e presenta l’attività svolta e i traguardi per il futuro. 
Luoghi di Incontro e Condivisione è una opportunità rivolta a tutte le donne che hanno attraversato o stanno attraversando un percorso di cura legato ai tumori, ai loro familiari e alle persone che le assistono oltre che ai professionisti sanitari. 
Nato dall’Osservatorio Salute Donna all’interno del Dipartimento Ricerca dell’IRCCS Santa Maria Nuova, in collaborazione con Luoghi di Prevenzione dell’Ausl e con la sezione reggiana della Lega Italiana Tumori, LIC Donna ha organizzato, nel suo primo anno di vita, 48 incontri pubblici nella sede dell’ex-ospedale Spallanzani.
Inserito nel programma dei Cinquant’anni del Santa Maria Nuova e nel cartellone Primavera Donna proposto dal Comune di Reggio Emilia, l’anniversario verrà celebrato il 15 Aprile a Palazzo Rocca Saporiti in un incontro che vedrà presenti i promotori del progetto
Interverranno Adriana Albini, Direttore del Dipartimento ricerca, Martino Abrate, Direttore del Reparto di Ginecologia oncologica, Guglielmo Ferrari, Responsabile della Struttura di Chirurgia senologica, Ermanno Rondini oncologo e Presidente della LILT Reggio Emilia, Lucia Mangone, Responsabile del Registro Tumori in capo alla Ausl reggiana.
In quanto donne, le pazienti che attraversano la malattia oncologica si trovano spesso a dover farsi carico del proprio percorso di cura, con forza e mantenendo al tempo stesso il ruolo di riferimento per tutta la famiglia; questo rende il loro processo terapeutico più faticoso” spiega Adriana Albini. 
Da qui è nata l’idea di offrire alle donne e ai loro familiari nuove conoscenze per sensibilizzare, formare e aggiornare attraverso una visione a 360° su tematiche inerenti la salute e il benessere femminile in rapporto alla scienza e società e alla relazione con la comunità, i ricercatori e altri professionisti del mondo scientifico, sanitario e socio‐ educativo‐culturale” conclude Martino Abrate nella doppia veste di Direttore del Dipartimento Ostetrico-Ginecologo e Pediatrico.
Attraverso il dialogo con i medici, gli incontri, oltre che aiutare le pazienti e i loro familiari ad affrontare e rielaborare il percorso diagnostico e terapeutico, hanno lo scopo di mettere in rete gli specialisti, le associazioni e il territorio.
LIC Donna si propone, infatti, come tramite tra le pazienti e le associazioni che sul territorio offrono servizi quali: gruppi di sostegno e mutuo aiuto, incontri informativi, servizi per le famiglie. 
I temi degli incontri periodici, proposti a cadenza ciclica, sono stati:

  • ASPETTI MEDICI, INFERMIERISTICI e di RICERCA: momenti di approfondimento su aspetti che riguardano la prevenzione, la diagnosi, la cura e la ricerca sui tumori;
  • CURA DI SÊ: informazioni sulla corretta alimentazione, sulla cura del corpo e sull’attività fisica, attraverso l’attivazione di laboratori/corsi artistici al femminile, come lezioni per l’uso del trucco; attività di rilassamento psico-fisico/ strategie mindfulness; seminari di scrittura creativa;
  • ASPETTI PSICO-SOCIALI: gruppi di lavoro e di attività per pazienti e familiari, in collaborazione con psicologi ed associazioni di volontariato;
  • DIRITTI E CITTADINANZA: informazioni sulle attività culturali e di svago presenti sul territorio e sui diritti delle pazienti oncologiche e dei loro familiari.

L'evento, aperto al pubblico, si svolgerà dalle ore 15.00 alle 18.00 al primo piano del Palazzo, in Viale Murri n.7.
Ulteriori informazioni possono essere chieste alla Segreteria Organizzativa: 0522.296078/320655; 347.4301874 - 347.9755018 oppure scrivendo una mail: LICDonna@asmn.re.it 

L’Ufficio Stampa  

In allegato: il programma