Vaccinazione contro l'influenza

Per proteggere dall’influenza e, in particolare, dalle complicazioni provocate dalla malattia, il Servizio sanitario regionale organizza ogni anno una campagna vaccinale rivolta in particolare alle categorie più a rischio.

Il vaccino per l’influenza stagionale sarà disponibile in Emilia Romagna a partire da lunedì 25 ottobre e sino al 31 dicembre 2021.

L’influenza costituisce un serio problema sanitario per la sua contagiosità e per la possibilità di dar luogo a gravi complicanze in persone con malattie croniche, anziani, o alte categorie a rischio. 

Quest'anno l'Azienda Usl di Reggio Emilia, aprirà la campagna gradualmente per fasce di età/categorie di aventi diritto.

Per saperne di più https://www.ausl.re.it/al-via-la-vaccinazione-antinfluenzale 

È garantita la vaccinazione gratuita contro l’influenza a:

  1. persone di età pari o superiore ai 60 anni;
  2. bambini (da 6 mesi), ragazzi e adulti affetti da specifiche malattie;
  3. bambini e adolescenti in trattamento prolungato con acido acetilsalicilico (aspirina);
  4. donne in gravidanza all’inizio della stagione epidemica (qualsiasi trimestre) e nel post-partum;
  5. persone di qualunque età ricoverate presso strutture per lungodegenti;
  6. personale sanitario e di assistenza;
  7. famigliari e contatti di persone ad alto rischio;
  8. addetti a servizi pubblici di primario interesse collettivo;
  9. personale che per motivi professionali è a contatto con animali.

Tra i servizi di pubblica utilità vanno ricompresi gli addetti alle forze dell’ordine, alla Protezione civile, i donatori di sangue, il personale degli asili nido delle scuole dell’infanzia e dell’obbligo, il personale dei trasporti pubblici, delle poste e comunicazioni, i dipendenti della pubblica amministrazione che svolgono servizi essenziali.

La vaccinazione viene praticata, con una semplice iniezione intramuscolare, dal medico di famiglia e dai servizi vaccinali delle Aziende Usl, presso i Servizi igiene pubblica e pediatria di comunità.

È gratuita per le persone con condizione di rischio, a pagamento per tutte le altre.

Ai dipendenti del Servizio Sanitario Regionale la vaccinazione viene proposta dalla propria Azienda sanitaria.


Per limitare la diffusione del virus influenzale durante il periodo epidemico ricordiamo che è sempre importante:

  • lavarsi spesso le mani,
  • ad ogni starnuto coprirsi il naso e la bocca e poi lavarsi le mani,
  • soffiarsi il naso con fazzoletti monouso da gettare in pattumiera chiusa e poi lavarsi le mani,
  • in caso di sintomi influenzali rimanere a casa e limitare i contatti con altre persone.

Informazioni utili

La prestazione viene effettuata nel corso di specifiche campagne vaccinali, delle quali viene data informazione attraverso gli organi di stampa.

A chi rivolgersi

Ci si può rivolgere ai Medici di Famiglia/Pediatri; agli Ambulatori di Igiene Pubblica e presso i Settori Pediatria di Comunità per i soggetti di età inferiore a 16 anni.

Modalità di erogazione


 

Aspetti economici

La prestazione è gratuita
La prestazione prevede il pagamento di un ticket

Il pagamento del vaccino è dovuto dalle persone che non rientrano nelle categorie per cui è prevista la gratuità (come da Circolare Ministeriale).

Normativa di riferimento

Tutti gli anni il Ministero della Sanità definisce le strategie vaccinali e la Regione definisce con una Circolare la campagna vaccinale.