Terzo acceleratore per la Radioterapia dell'Arcispedale: la Industrial Packaging di Omar Corradini dona 100.000 euro

Reggio Emilia, 14 Aprile 2011

                                               

Arriva il primo significativo sostegno dal mondo dell’imprenditoria reggiana

È di una impresa di Reggio Emilia il primo importante contributo a sostegno del progetto di acquisizione del 3° acceleratore lineare per la Radioterapia Oncologica.
Omar Corradini, titolare insieme al cognato Roberto Petri, della Industrial Packaging srl, da oltre venti anni specializzata nella produzione e distribuzione di materiali per l’imballaggio degli alimenti, ha accolto l’appello a sostenere un progetto di valenza strategica per l’Arcispedale.
L’importo della donazione, reso pubblico oggi alla presenza del Direttore della Radioterapia e Vice Presidente di A.s.c.m.a.d. Pro.ra. Cinzia Iotti e della Direzione dell’Arcispedale, nella persona del Direttore Sanitario Giorgio Mazzi, presso la sede dell’Azienda di produzione, è frutto della generosità dei due titolari e di tutti i dipendenti che hanno scelto di devolvere il proprio premio di produzione annuale ad una causa comune, destinata ad incidere positivamente sulla qualità della vita della comunità.
È stato l’appello lanciato durante la conferenza stampa del 29 marzo scorso da Ascmad-Pro.ra., associazione nata per sostenere i progetti dell’Arcispedale Santa Maria Nuova, a richiamare l’attenzione del personale della Industrial Packaging, spiega Corradini, ed a determinare la scelta di fare proprio l’obiettivo che l’Associazione Pro.ra. (Progetti per la Radioterapia) ha indicato come prioritario nel campo della terapia oncologica.
Ai Sig.ri Corradini e Petri ed a tutti i dipendenti della Industrial Packaging srtl va il più sincero ringraziamento da parte di Ascmad-Pro.ra. per il gesto di grande sensibilità e generosità che, come dichiara il Vice-Presidente della Associazione Cinzia Iotti: “confidiamo rappresenti un esempio da imitare per molti altri attori del panorama imprenditoriale reggiano”.

L’Ufficio Stampa ASMN

Nella foto, insieme ad una parte del personale della Ditta Industrial Packaging srl, al centro Cinzia Iotti, al lato sinistro Omar Corradini e il figlio Davide. Alla destra Roberto Petri e Giorgio Mazzi.


Il terzo acceleratore lineare per la radioterapia oncologica dell’arcispedale Santa Maria Nuova
ASCMAD - PRO.RA Onlus
(Associazione Studio e Cura delle Malattie dell’Apparato Digerente - Progetti per la Radioterapia) è un associazione di volontariato il cui impegno è finalizzato alla raccolta di fondi e donazioni a favore dell’Arcispedale Santa Maria Nuova.
In particolare PRO.RA., nata oltre 10 anni fa, ha contributo al percorso di sviluppo tecnologico ed alla crescita professionale della equipe del reparto diretto dalla Dott.ssa Cinzia Iotti, oggi vice-presidente della associazione.
PRO.RA. ha fatto proprio anche il nuovo traguardo di acquisizione di un acceleratore che sostituisca uno dei due già in dotazione alla Struttura di Radioterapia dell’Arcispedale il quale, entrato in funzione nel 1992, sta per completare, dopo numerosi aggiornamenti tecnici, il suo naturale ciclo di attività.
La nuova apparecchiatura, il cui costo sarà di circa 3 mil di euro, potrà di intensificare il trattamento dei tumori attraverso la somministrazione quanto più precisa della terapia radiante sul bersaglio interessato. Tale caratteristica consente il risparmio di organi e tessuti circostanti e quindi una minore tossicità per l’organismo, oltre che tempi ristretti di trattamento con migliori probabilità di cura. L’applicazione di innovative strategie terapeutiche rappresenterà, negli anni futuri, campo di indagine e di ricerca.
L’acquisizione del nuovo acceleratore verrà sostenuta da PRO.RA attraverso una raccolta fondi della durata di due anni.
Grandi e piccole iniziative sono in programma, a Reggio Emilia e nella provincia, per presentare il progetto e coinvolgere la comunità, sempre attenta alle vicende che interessano lo sviluppo dell’ospedale cittadino.
Il primo evento, teso a  coinvolgere il mondo dell’imprenditoria e dell’industria, si è svolto al Circolo di Equitazione di Canali a Reggio Emilia (CERE)  lo scorso 08 Aprile. La cena, offerta dai titolari del CERE in collaborazione con i Rotary reggiani, ha visto la partecipazione di oltre 120 persone alle quali è stato rivolto l’appello a condividere l’importanza strategica del progetto.