Lo storico Palazzo Rocca Saporiti è anche quest’anno tra le tappe del circuito OFF di Fotografia Europea 2014

Dalla associazione ASCMAD PRO.RA. Onlus un invito alla riflessione attraverso le immagini realizzate dai fotografi Ombretta Gazzola e Antonio Armentano. Apertura della mostra Venerdì 2 Maggio

Reggio Emilia, 2 Maggio 2014



Anche in questa edizione della Fotografia Europea di Reggio Emilia, l’Ospedale Santa Maria Nuova è una delle tappe che compongono il Circuito Off, la sezione indipendente della manifestazione.
Prendendo spunto dal tema della rassegna 2014 “Vedere. Uno sguardo infinito”, l’Associazione ASCMAD PRORA Onlus, da sempre impegnata a sostegno delle attività dell’Ospedale, mette in mostra sedici scatti realizzati dai fotografi Ombretta Gazzola e Antonio Armentano dedicati al paesaggio ed alla natura.
La sede dell’allestimento sarà il piano terra del seicentesco Palazzo Rocca Saporiti in Viale Murri n.7 dalle 14:00 di oggi Venerdì 2 Maggio sino a Martedì 6 Maggio alle ore 19:00.
La presentazione ufficiale della esposizione avverrà Domenica 4 Maggio alle ore 11.30 alla presenza degli autori e del consiglio direttivo della associazione.
 
Ombretta Gazzola, fotografa, video maker, scultrice ferrarese vive e lavora in Calabria. Gli otto scatti che verranno messi in mostra sono rappresentati dal titolo “Viaggio nei dintorni”. Antonio Armentano, medico calabrese appassionato di fotografia, autodidatta, esporrà le sue immagini con il titolo “Confini di mare”.
 
Il Circuito Off di Fotografia Europea nasce dalla spontanea iniziativa dei singoli. Off si articola in una ricca offerta espositiva con mostre in circoli fotografici ma anche in spazi insoliti come negozi, ristoranti, luoghi privati trasformati per l’occasione in gallerie d’arte (www.fotografiaeuropea.it/off).
ASCMAD PRORA si pone come partner di questa manifestazione internazionale che coinvolge la Città, lieta di accogliere i professionisti nell’ambiente in cui essa opera e diffonde i propri valori. ASCMAD PRORA rappresenta attualmente la campagna “IO MI IMPEGNO!” per la realizzazione del progetto “Nuova Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva nel Centro Oncoematologico,  in corso di edificazione nell’area del Santa Maria Nuova. “La proposta per il Circuito Off è l’occasione per presentare alla cittadinanza, unitamente all’opere esposte, anche il costante impegno di ASCMAD-PRORA per sostenere il nostro Ospedale” spiega il Presidente Giovanni FornaciariCrediamo che la mission della associazione sia conciliabile con una iniziativa in cui arte e volontariato si fondono. Confidiamo che la presenza di molti visitatori nella splendida cornice di Palazzo Rocca Saporiti serva anche a richiamare l’attenzione sui grandi progressi del nostro ospedale e sugli impegni sempre più importanti che l’associazione ha assunto per i prossimi anni

Gli Uffici Stampa
 
 
ASCMAD-PRORA Onlus
Ass.ne Studio e Cura Malattie Apparato Digerente - Progetti per la Radioterapia
Nata a Reggio Emilia nel 1984 come associazione di volontariato, ASCMAD-PRO-RA è da sempre impegnata a favore dei tre reparti dell’Azienda Ospedaliera di Reggio Emilia entro i quali è stata costituita: Gastroenterologia-Endoscopia Digestiva, Medicina III e Radioterapia Oncologica. Numerose sono state le iniziative ed i progetti realizzati negli anni con il contributo dei soci e dei donatori, molta parte delle quali finalizzate a migliorare la dotazione tecnologica dei reparti con apparecchiature di importanza fondamentale per le attività di diagnosi e cura. La campagna pubblicitaria “IO MI IMPEGNO!” sostenuta da CARIPARMA, lanciata nelle scorse settimane, rappresenta l’associazione nel promuovere il progetto “Nuova Gastroenterologia e Endoscopia Digestiva”. Questa nuova campagna segue a quella del biennio precedente,   “IO CI CREDO”  che , sempre sostenuta da CARIPARMA, ha promosso la raccolta fondi per il progetto mirato  alla acquisizione del nuovo acceleratore lineare per la Radioterapia Oncologica, conclusosi con grande successo   raggiungendo il traguardo prefissato. I testimonial di IO MI IMPEGNO rimangono le eccellenze reggiane  Andrea Griminelli, Carlo Ancelotti, Stefano Baldini e Orietta Berti che hanno confermato la loro  disponibilità a seguire ancora una volta ASCMAD PRORA nel suo importante lavoro a favore dell’eccellenza della sanità reggiana.  
(www.ascmad-prora.it)
 
Ombretta Gazzola, Fotografa, video maker, scultrice ferrarese vive e lavora in Calabria. Presidente del Cineclub Fedic Sibaritide e Direttrice della Biblioteca Minnicelli di Rossano Calabro, promuove progetti e iniziative collegate ai due contenitori di cultura. La sua formazione creativa si sviluppa a Ferrara, attraverso esperienze di didattica della fotografia, in un ambiente di artisti ed esponenti del mondo della cultura. Sulla scia della migliore tradizione fotografica italiana di Cresci e Ghirri, la Gazzola realizza “testi” fotografici considerati di grande aiuto alla lettura stessa dell’ambiente e della natura. Nelle sue opere si coglie l’importanza ai dettagli, che sono parte del totale. Dettagli appunto che fanno riflettere sull’infinito “… siamo in questo mondo come una scenografia, un mondo che gira e noi siamo solo un dettaglio …”.
 
Antonio Armentano vive e lavora a Cosenza. Autodidatta, comincia a fotografare all’età di 15 anni, coltiva la passione per la fotografia durante gli studi, prima al Liceo Scientifico poi alla facoltà di Medicina di Firenze. Si specializza in Radiodiagnostica, ma continua le sue ricerche fotografiche inerenti principalmente il paesaggio. Alla pratica fotografica associa lo studio teorico del fotografico e della storia dell’arte più in generale. E’ autore di esposizioni fotografiche personali e collettive nel territorio nazionale. Ha pubblicato due libri autoprodotti: “Verso Dentro” e “Confini di Mare”. Dal 2013 è animatore culturale nel suo territorio come Presidente de “L’impronta – culture fotografiche”. “ Riconsegno questa serie di fotografie proprio come un esploratore che porta in giro lo sguardo. Uno sguardo molto, molto preciso. Una visione esatta e un rapporto circostanziato sul confine estremo, l’orizzonte, il confine di tutto, di tutti. E’un reportage sulla materia prima del lavoro di un sacco di gente: il confine.”

Allegato: Locandina