Nuove prospettive nel trattamento dei tumori solidi

Esperti a confronto alle ore 15,00 a Palazzo Rocca Saporiti nell’ambito dei seminari Gained in Translation

Reggio Emilia, 26 febbraio 2014

Le terapie personalizzate in oncologia consentono di ottenere risultati impensabili fino a pochi anni fa, grazie soprattutto ai farmaci a target molecolare, che sono oggi disponibili per molte diverse neoplasie. I progressi della ricerca fanno sperare che presto saranno disponibili nuovi farmaci capaci di contrastare anche alcune forme particolarmente aggressive, purtroppo ancora oggi incontrollabili, come il tumore alla mammella triplo negativo.
 
Se ne parlerà nel seminario “Nuove prospettive del trattamento dei tumori solidi”, in programma Mercoledì 26 Febbraio alle ore 15,00 a Palazzo Rocca Saporiti, in viale Murri 7, a Reggio Emilia. L’incontro fa parte del ciclo di eventi di formazione alla ricerca Gained in Translation, promossi dal Dipartimento Infrastruttura Ricerca e Statistica dell’ASMN - IRCCS e ideati da Adriana Albini con Lucia Mangone, a cui prendono parte  illustri luminari italiani sull’oncologia e le tematiche correlate.
  
Tra i relatori dell’incontro ci sarà Carmine Pinto, Direttore dell’Unità Operativa di Oncologia Medica dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico Sant’Orsola Malpighi di Bologna. L’intervento del dott. Pinto riguarderà l’impatto clinico delle terapie personalizzate nella cura dei tumori solidi: “La ricerca sta individuando dei marker molecolari - spiega il dott. Pinto - che consentono di personalizzare la terapia e applicare un trattamento individualizzato. Abbiamo già a disposizione dei farmaci di questo tipo per molte patologie neoplastiche comuni, tumore al polmone, mammella, colon retto e anche in forme meno frequenti come il melanoma”. Questi approcci innovativi portano con sé anche qualche problema: “Dobbiamo rendere questi trattamenti sostenibili nell’ambito del Sistema Sanitario Nazionale - dice il dott. Pinto - per questo la ricerca ha il compito di sviluppare dei test che sappiano dirci se un farmaco sarà o meno efficace su un determinato tumore”.
 
Nella seconda parte dell’incontro interverrà Lucia Del Mastro, Direttore della Struttura Semplice di Sviluppo di Terapie Innovative dell’IRCCS AOU San Martino - IST di Genova, che parlerà del tumore mammario triplo negativo. “È una forma neoplastica biologicamente molto aggressiva - spiega la dott.sa Del Mastro - per la quale purtroppo non sono ancora state individuate terapie personalizzate”. Tuttavia, la ricerca sta facendo passi avanti anche su questo versante: “Sembra ormai assodato che, tra le pazienti che hanno questo tipo di neoplasia, ci siano diversi sottogruppi - dice - Il nostro obiettivo ora è identificare le alterazioni genetiche alla base di ciascun sottogruppo, in modo da riuscire in un futuro abbastanza vicino a mettere a punto terapie personalizzate che ci consentirebbero di ottenere risultati ad oggi impossibili”.

L’incontro sarà moderato da Corrado Boni, Direttore della Struttura Complessa di Oncologia ASMN-IRCCS, e da Giovanni Battista La Sala, Direttore della Struttura Complessa di Ostetricia e Ginecologia.

Il seminario è gratuito ed aperto a tutti, per maggiori informazioni contattare la segreteria del Dipartimento allo 0522-295494.

L’Ufficio Stampa

Allegato: Locandina