Oncologia traslazionale per migliorare i percorsi terapeutici

Se ne parla nel prossimo appuntamento del ciclo di seminari Gained in Translation in programma mercoledì 2 luglio alle ore 14.30 a Palazzo Rocca Saporiti

Reggio Emilia, 1 Luglio 2014

È in programma mercoledì 2 luglio alle ore 14,30 il seminario “Oncologia traslazionale per migliorare i percorsi terapeutici” presso Palazzo Rocca Saporiti in viale Murri 7, a Reggio Emilia. L’incontro fa parte del ciclo di eventi di formazione Gained in Translation, promossi dal Dipartimento Infrastruttura Ricerca e Statistica dell’ASMN – IRCCS e ideati da Adriana Albini con Lucia Mangone, a cui prendono parte i più illustri luminari italiani sull’oncologia e le tematiche correlate.

Aprirà il seminario l’intervento di Vittorina Zagonel, Direttore della Struttura di Oncologia Medica 1 dell’IRCCS Istituto Oncologico Veneto, che affronterà l’argomento delle cure simultanee in oncologia. Si tratta di un modello organizzativo che mira a garantire un’assistenza continua, integrata e progressiva, al fine di ottimizzare la qualità della vita in ogni fase della malattia, attraverso una meticolosa attenzione agli innumerevoli bisogni, fisici, funzionali, psicologici, spirituali e sociali del malato oncologico e della sua famiglia.
 
Il secondo intervento sarà di Federico Cappuzzo, Direttore del Dipartimento di Oncologia Medica dell’Istituto Tumori Toscano - Ospedale Civile di Livorno. Il dott. Cappuzzo parlerà delle nuove opzioni terapeutiche per il trattamento del carcinoma polmonare metastatico non microcitico, una classe di neoplasie cui vengono ricondotti circa l’80% dei tumori polmonari, che sono anche i più resistenti alla chemioterapia.
 
Chiuderà l’incontro Francesco Perrone, Direttore dell’Unità Sperimentazioni Cliniche dell’Istituto Nazionale Tumori di Napoli - IRCCS “Fondazione G. Pascale”. Il suo intervento riguarderà i biomarcatori, indicatori in grado di fornire informazioni sui processi fisiologici e sulla risposta alla terapia, e approfondirà in particolare le prospettive d’uso dei biomarcatori nella cosiddetta medicina di precisione, che consente di calibrare i trattamenti sulle specifiche caratteristiche molecolari della patologia.
 
“L’approccio terapeutico al tumore del polmone non a piccole cellule è in notevole evoluzione grazie alla possibilità crescente di ottenere dettagliate informazioni bio-molecolari e, conseguentemente, impostare terapie personalizzate sempre più efficaci e ed al tempo stesso meno dannose per il resto dell’organismo”, spiega Filippo Lococo, Dirigente Medico della S.C. Chirurgia Toracica dell’IRCCS ASMN, che modererà la discussione insieme a Ermanno Rondini, Dirigente Medico della S.C. Oncologia. “Sebbene il cammino sia ancora molto da fare e le evidenze concrete attualmente ancora parziali – conclude il dott. Lococo – gli specialisti del settore convergono sul fatto che le maggiori risposte a tali insidiosi tumori vadano cercate nel campo della biologia molecolare e dell’oncologia con farmaci “target”.
 
Il seminario è gratuito ed aperto a tutti, per maggiori informazioni contattare la segreteria del Dipartimento allo 0522-295494.
 
L’Ufficio Stampa
 
 
In allegato: locandina